Metodo FUE Zaffiro

Trapianto di capelli con metodo FUE Zaffiro

Una metodologia efficace e poco invasiva

Il metodo Micro FUE (estrazione di unità follicolari) prevede l’estrazione individuale di unità follicolari dalla zona donatrice tramite uno strumento dotato di micromotore. Si tratta di una procedura minimamente invasiva che aiuta i pazienti a recuperare più rapidamente e lascia meno cicatrici. Esistono vari tipi di tecniche, a seconda della modalità di trapianto dei capelli nel sito ricevente.

Come suggerisce il nome, il metodo Metodo FUE Zaffiro utilizza lo strumento in zaffiro, una pietra preziosa e durevole. Durante la procedura di trapianto, le incisioni vengono eseguite dal Dottor Altan con uno strumento dotato di lame in zaffiro in sostituzione delle tradizionali lame in acciaio.

  • Lo strumento in zaffiro è costituito da un perno a forma di V, mentre gli strumenti tradizionali sono dotati di perni in acciaio.
  • Il perno a forma di V consente allo strumento di eseguire incisioni più accurate e aprire canali più piccoli nella zona ricevente.

Alla luce di quanto detto, poiché lo zaffiro è più resistente dell’acciaio, l’intero processo risulta più facile. Questo riduce la probabilità di danneggiare i follicoli vicini e la dimensione delle cicatrici.

3micromotore-fue

Quali sono i vantaggi del metodo FUE Zaffiro?

  • Il danno al tessuto è minimo, il recupero più rapido e la pelle più morbida.
  • Le lame in zaffiro permettono di aprire canali di dimensione ridotta. Pertanto, le cicatrici sono quasi invisibili.
  • La qualità degli strumenti in zaffiro riduce il rischio di traumi.
  • Il dolore post-operatorio è minimo.
  • Il metodo Fue Zaffiro garantisce un tasso di successo più elevato.
  • Con questo metodo è possibile creare un’attaccatura più naturale e ridurre il rischio di complicanze.
3.zaffirostrumentifue

Recupero e risultati

Il trapianto con metodo  FUE Zaffiro garantisce un volume maggiore di capelli.

Proprio come in qualsiasi altra procedura di trapianto di capelli, dopo l’operazione si può avvertire dolore e gonfiore e questo è da considerarsi normale. Si tratta di disturbi temporanei che svaniscono nel giro di pochi giorni. Ci vuole tempo perché i nuovi capelli attecchiscano, quindi i pazienti che si sottopongono alla procedura devono aspettarsi di perdere i capelli trapiantati entro 3-4 settimane.

Tuttavia, la perdita di capelli non sarà permanente e non influenzerà i risultati della procedura di trapianto. La crescita dei capelli si osserva entro 2 mesi, ma i risultati ottimali sono visibili solo a 12 mesi dall’intervento.

3.zaffirostrumentifue

I fattori generali per determinare l’idoneità sono i seguenti:

  • Se la perdita di capelli si osserva in un’area localizzata a causa di traumi (cicatrici e ustioni), alopecia androgenetica, alopecia da trazione o alopecia marginale.
  • Il metodo FUE prevede l’estrazione dei capelli da aree donatrici in cui i capelli sono densi e il trapianto in aree riceventi. Pertanto, avere un’area donatrice densa è essenziale per sottoporsi a questa procedura.
  • Se il diradamento è recente, si consiglia ai pazienti di sottoporsi a questa procedura perché i capelli sono ancora considerati abbastanza densi.

Dubbi e domande?

Ritagliati un po’ di tempo e leggi tutte le risposte che i nostri esperti hanno rilasciato per affrontare gli interrogativi più comuni.

Contattaci subito per una consulenza personalizzata e gratuita!

Ricevi senza impegno la diagnosi approfondita del Dottor Altan e il tuo piano di trattamento personalizzato.

    * dati obbligatori

    Questo sito è protetto da reCAPTCHA di Google, al quale si applicano la Privacy Policy ed i Termini di Servizio relativi.